Poesia "Foresta mio dizionario" dal libro "Kupahúba" di Marcia Theophilo

poesia Il ventopoesia Olocausto degli alberi
indietro
avanti

 

Folle risata la tua, dall'eco affilata
Manioca selvaggia è il tuo riso
le tue carezze, il tuo acuto piacere.
Kupakúba vive, va e viene
fino a che il sole scompare.
Di giorno tra foglie, erbe, insetti,
decomposte materie vegetali;
Ci moltiplicheremo.
Il movimento non è deserto, è fiume
ruba, saccheggia, bevi ciò che vuoi
questo fiume è abbondante
non si ferma, ma continua
per cantare il suono delle parole
Ašaná, Yaná, Nacaíra
Cajá, Pacoba, Mašarandúba
ogni parola un essere, parole che scrivo
io vedo un'aria piena di parole
la foresta è il mio dizionario
parole vive e masticate
aspre di cammini già percorsi
Ašaná, Tapajurá, Igarapé
ogni parola un essere, risuona affilata.
Kupahúba aprì gli occhi e apprese a leggere.

Márcia Theóphilo, 2000

 

sucessiva precedente

successiva su precedente